AbruzzoBasilicataCalabriaCampaniaEmilia-Romagna
Friuli Venezia GiuliaLazioLiguriaLombardiaMarche
MolisePiemontePugliaSardegnaSicilia
ToscanaTrentino-Alto AdigeUmbriaValle D’AostaVeneto

Sede: Monza

Università degli Studi di Milano-Bicocca
Via Cadore 48, 20900 Monza
Dipartimento di Medicina e Chirurgia
Experimental Neurology Unit (ENU)

Componenti BIO/16:

Prof. Guido Cavaletti (PO BIO/16)

Prof.ssa Paola Marmiroli (PA BIO/16)

Dott.ssa Mariarosaria Miloso (RC BIO/16)

Dott.ssa Arianna Scuteri (RtdB BIO/16)

Componenti BIO/17:

Dott.ssa Gabriella Nicolini (RC BIO/17)

Dott.ssa Valentina Carozzi (RtdA BIO/17)

Dottorandi, Assegnisti e Borsisti

  • Dott.ssa Paola Alberti (Assegnista)
  • Dott.ssa Roberta Bonomo (Dottoranda)
  • Dott.ssa Giulia Fumagalli (Borsista)
  • Dott.ssa Maryamsadat Hashemi (Dottoranda)
  • Dott. Alessio Malacrida (Assegnista)
  • Dott.ssa Cristina Meregalli (Collaboratore esterno)
  • Dott.ssa Laura Monza (Assegnista)
  • Dott.ssa Eleonora Pozzi (Borsista)
  • Dott.ssa Sara Semperboni (Assegnista)
  • Dott.ssa Olga Tarasiuk (Assegnista)

Personale tecnico-amministrativo

  • Dott. Mario Bossi (Tecnico)
  • Dott.ssa Elisa Ballarini (Tecnico)
  • Dott.ssa Annalisa Canta (Tecnico)
  • Dott.ssa Alessia Chiorazzi (Tecnico)
  • Dott. Luca Crippa (Tecnologo)
  • Dott.ssa Elisabetta Donzelli (Tecnico)
  • Dott. Norberto Oggioni (Tecnico)
  • Dott.ssa Virginia Rodriguez-Menendez (Tecnico)

Organizzazione e afferenze

  • Università degli Studi di Milano-Bicocca
    Prof. Guido Cavaletti, Pro-Rettore alla Ricerca
  • Experimental Neurology Unit (ENU)
    Prof Guido Cavaletti, Responsabile
  • Centro Inter-universitario 3R
    Dott.ssa Gabriella Nicolini, Presidente dell’Unità Milano-Bicocca
  • Centro NeuroMI, Milan Center for Neuroscience
    Dott.ssa Arianna Scuteri, membro del Direttivo, Responsabile dell’area “Molecular and Cellular Neuroscience”

Tecnologie innovative disponibili

Nella nostra sede sono presenti diverse piattaforme per studi in vitro, in particolare strumentazioni ed attrezzature per:

  • Allestimento di colture organotipiche di gangli sensitivi
  • Allestimento di colture primarie neuronali e gliali (sia da embrione che da topo/ratto adulto)
  • Allestimento di colture primarie di cellule staminali mesenchimali
  • Allestimento di colture primarie di isole pancreatiche murine
  • Allestimento di linee cellulari umane e murine
  • Allestimento ed analisi di co-colture
  • Microscopia ottica, elettronica a trasmissione e confocale
  • Sistema di imaging time-lapse Biostation per lo studio e l’acquisizione di immagini in time-lapse da cellule vive

La nostra sede dispone inoltre di uno stabulario certificato per gli studi in vivo, dove è possibile una stabulazione di animali sia immunocompetenti che immunodeficienti e dove sono presenti:

  • Strumenti per eseguire test comportamentali per lo studio del dolore neuropatico
  • Strumentazione per analisi elettrofisiologiche sul sistema nervoso
  • Strumentazione per lo studio dell’ipereccitabilità assonale
  • Apparato stereotassico per neurochirurgia
  • Sistema tomografico a fluorescenza in vivo, per la quantificazione e la localizzazione tridimensionale di sonde fluorescenti in topo e ratto

Altre strumentazioni disponibili

  • Citofluorimetro a flusso FACSCanto Biorad
  • Real Time PCR 7500 Applied Biosystem
  • Analizzatore ematologico ABX Pentra 60 c+
  • Processatore di tessuti Leica ASP 300
  • Microscopio Nexcope Ne920, abbinato a diversi software di analisi di immagini per l’analisi morfometrica di gangli e nervi

Attività di sala settoria

Nella sede non è presente una sala settoria, ma abbiamo a disposizione il tavolo anatomico virtuale “Anatomage” che viene utilizzato per la didattica.

Principali linee di ricerca

Il gruppo è impegnato in numerose linee di ricerca, le principali delle quali sono:

In vivo:

• Neuropatia da chemioterapici e neuroprotezione, modelli in vivo:
Questa linea di ricerca da anni si occupa della messa a punto di modelli animali che ricreino in laboratorio le caratteristiche delle neuropatie periferiche indotte dai diversi farmaci chemioterapici, con il duplice scopo di studiarne i meccanismi eziopatogenetici e di valutare l’efficacia di farmaci o terapie neuroprotettive.
Oltre alla creazione di nuovi modelli sperimentali e all’utilizzo di quelli esistenti per testare strategie di neuroprotezione o ipotesi patogenetiche, questa linea di ricerca si avvale della collaborazione l’Azienda Ospedaliera S. Gerardo per realizzare una vera traslazione bidirezionale dei risultati. Il gruppo è leader internazionale per questa linea di ricerca, che infatti è sostenuta oltre che da finanziamenti ottenuti tramite bandi competitivi anche grazie a diverse collaborazioni con Aziende private, per un ammontare di alcune centinaia di migliaia di euro/anno

Patogenesi in vitro di malattie neurologiche:
Lo studio di modelli in vitro rappresenta un complemento ottimale agli studi in vivo riguardo lo studio dei meccanismi molecolari alla base dell’insorgenza delle patologie e/o della neuroprotezione. Questa linea di ricerca in particolare si avvale di modelli cellulari neuronali, ottenuti sia da embrioni che da animali adulti, oltre che di linee cellulari neoplastiche. L’integrazione di questi studi con quelli descritti in a) rappresenta una peculiarità a livello internazionale e rende l’unità interessante anche per collaborazioni con Aziende private di area farmaceutica.

Patogenesi della sclerosi multipla (SM):
Utilizzando modelli animali vengono studiate sia ipotesi patogenetiche che possibili trattamenti per la SM, applicando oltre alle tecniche convenzionali, tecnologie di imaging avanzato (NMR funzionale, TC ad alta risoluzione da sincrotrone). Anche in questo caso la responsabilità clinica del Prof Cavaletti nel trattamento della SM permette una reale traslazionalità della ricerca.

In vitro

Tossicologia in vitro di nuovi farmaci:
Le competenze oltre che ventennali maturate nell’ambito degli studi sui meccanismi e sui pathways intracellulari hanno permesso di sviluppare studi complessi sull’azione di nuovi farmaci, con particolare riferimento (ma non esclusivamente) ai farmaci antineoplastici. Questa linea di ricerca si avvale anche di diverse collaborazioni nazionali ed internazionali per la valutazione dell’efficacia dell’uso del Sincrotrone per potenziare l’effetto antineoplastico di alcuni farmaci
Le competenze acquisite nel campo della tossicologia hanno permesso di estendere gli studi a farmaci che corrispondono a composti estrattivi di origine naturale. Per l’estrazione e la sintesi dei prodotti naturali e dei loro derivati ci si avvale della collaborazioni con il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura ed economia agraria) di Sanremo ed il Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università di Pavia. In questa linea di ricerca ottenuti tali prodotti (e derivati), viene effettuata sia la loro caratterizzazione biologica che la valutazione degli effetti antitumorali. Inoltre sono analizzati i meccanismi molecolari responsabili degli effetti osservati.

Utilizzo di cellule staminali mesenchimali (MSC) in vivo per la medicina rigenerativa:
Nell’ambito della medicina rigenerativa, i meccanismi della potenziale azione protettiva delle MSC sono studiati presso il nostro gruppo da oltre 10 anni, prevalentemente in vitro su modelli neuronali esposti a stimoli tossici di varia natura, anche se un effetto protettivo delle MSC è stato osservato anche nei confronti di isole pancreatiche murine. La validità delle osservazioni ottenute in vitro viene poi verificata utilizzando modelli in vivo che riproducano danni tossici, infiammatori e legati al diabete in modelli animali di malattie neurologiche. Questa linea di ricerca si avvale anche dell’utilizzo di scaffolds biocompatibili per il miglioramento della performance delle MSC.

E’ inoltre presente una linea di Ricerca clinica nel campo delle neuropatie periferiche e della sclerosi multipla:
Il convenzionamento clinico del Prof Cavaletti permette la prosecuzione di una attività che, per quanto riguarda le neuropatie da chemioterapici, pone il nostro Ateneo come riferimento internazionale di assoluto rilievo, oltre alla partecipazione a trial clinici sia nell’ambito delle malattie del sistema nervoso centrale che periferico.

Principali collaborazioni Internazionali

Columbia University, NY, USA
John Hopkins University, Baltimore, USA
University of Maryland, Baltimore, USA
European synchrotron radiation facility (ESRF), Grenoble, France
University of Sydney, Australia

E’ possibile trovare informazioni circa le attività del gruppo anche sul sito della Experimental Neurology Unit, al link http://www.enu.dcmt.unimib.it/?page_id=1119

Contatti

arianna.scuteri@unimib.it
elisabetta.donzelli@unimib.it